Valencia e dintorni

Valencia e dintorni

A noi la Spagna piace tantissimo … L’abbiamo visitata spesso e forse abbiamo visto più Spagna che Italia! La Comunidad Valenciana ci mancava.

Visto che avevamo un po’ di ferie, a inizio gennaio siamo partiti per Valencia e dintorni

L’idea era quella di visitare la città, la Ciudad de las Artes y las Ciencias e i dintorni. Non avevamo programmato nulla di particolare, da quando la famiglia si è allargata non possiamo più permettercelo! In questi ultimi viaggi partiamo e poi visitiamo quello che possiamo, l’importante è divertirsi!

La città di Valencia si vede in poco tempo

Merita sicuramente una visita la cattedrale e ovviamente la Città della scienza e delle arti. Se viaggi con bimbo a seguito non ti puoi perdere il Parco Gulliver. Questa riproduzione di un Gulliver piena di scivoli è all’interno dei Giardini del Turia, uno dei parchi più grandi d’Europa. Qua ci trovi di tutto: giochi per bambini, gente che corre e si allena, angoli romantici, zone pic-nic, piste ciclabili … Si estende per circa 9 km dal Parc de Capcalera alla Città della scienza e delle arti.

In breve il nostro itinerario:

Valencia. Basta poco tempo per vederla, oltre alla cattedrale va vista anche La Lonja de la Seda. La maggior parte del tempo comunque si impiega per la visita della città della scienza. Noi lì abbiamo visitato solo il parco oceanografico. Il resto lo abbiamo visto dall’esterno.

Sagunto – Segorbe – Teruel. A Sagunto, circa 25 km da Valencia, abbiamo visto il castello, il teatro romano e la juderia. Tutto bello ma il castello potrebbero tenerlo meglio … Non adatto al momento a chi ci arriva con il passeggino, lasciatelo all’ingresso. Stanno ristrutturando, magari nei prossimi anni completeranno un percorso più agevole.
Segorbe la abbiamo vista in maniera più sbrigativa. E’ famosa soprattutto per la Entrada de Toros y Caballos de Segorbe, una festa/palio che si svolge a settembre. Vanno visitati la cattedrale e l’acquedotto romano.
Teruel è piccola ma carina. Parte dei suoi edifici sono patrimonio UNESCO per l’architettura mudejar. A noi è piaciuta, da vedere.

Cuenca – Requena. Cuenca è famosa per il suo centro storico, le chiese e le casas colgadas … Patrimonio UNESCO dal 1996. Se si è in zona vale davvero la pena visitarla, è bellissima. Non siamo riusciti a vedere, causa maltempo e altri contrattempi, la Ciudad Encatada. Questa è un parco caratterizzato da forme rocciose con strane forme, erose negli anni da acqua e vento. Valeva la pena visitarlo secondo noi.
Requena invece ha un centro storico piccolino ma non vale la pena andarci solo per visitare quello …

Albufera. Oltre alla visita del parco ci si deve assolutamente fermare a mangiare la paella, da qua non te ne devi andare se non fai ‘sta cosa! Buonissima!

Valencia e dintorni mappa

Per visitare i vari paesi vicino a Valencia abbiamo noleggiato un auto

E’ stata una scelta molto comoda perché con i mezzi pubblici avremmo perso molto tempo e non avremmo mai potuto arrivare fino a Cuenca. Il Parque Natural de la Albufera in paticolare lo vedi bene se hai un auto. Nei vari siti o guide che leggi c’è scritto che è bellissima la gita in barca … Noi in gennaio non abbiamo trovato nessuno che ci portasse. Abbiamo percorso in auto le stradine che si addentrano per le risaie guidando su careggiate piccole costeggiate da acqua a destra e a sinistra! Molto suggestivo!

Alcuni posti dove consigliamo di mangiare:
– Lizzaran:

*Piccola postilla circa gli orari di pranzo e cena in Spagna: si pranza dalle 13:30 e si cena dalle 20:30. I ristoranti in molti casi non aprono proprio prima di quell’ora.

Foto

Comments are closed.